Art Social Network - Il portale dell'Arte e degli Artisti



Login al portale ArtistiOnLine.eu

Username

Password



Hai dimenticato la password?
Recuperala subito

Non sei registrato?
La registrazione al portale ArtistiOnLine.eu offre la possibilità di utilizzare molti strumenti. Registrati subito.
La registrazione è immediata e gratuita!

Ti serve aiuto?
Non ti è chiaro come funziona il portale?
Leggi la pagina con le FAQ, le risposte alle domande più frequenti

I Forum sono lo strumento più semplice ed utile per confrontarsi sugli argomenti che interessano gli appassionati di Arte, consentendo a ciascuno di esprimere opinioni e pareri.
ArtistiOnLine.eu mette a disposizione una serie di forum già attivi su temi classici ma offre la possibilità di istituire nuovi forum per confrontarsi su particolari temi cari agli utenti.

Liri Blues Forum

Albert King, John Mayall, Buddy Guy, Robben Ford, Dr.John, Bo Diddley sono solo alcuni nomi di musicisti che hanno calcato il palco del Liri Blues. Il Liri Blues si tiene dal 1988 a Isola del Liri (Frosinone), cittadina gemellata con New Orleans. Il festival è rigorosamente gratuito sin dalla sua prima edizione. Si svolge nel mese di luglio nell'arco di una settimana, con concerti nella centrale Piazza De' Boncompagni, nelle strade e con jam sessions notturne. Questo forum, proposto dai ragazzi del Liri Blues Fan Club, vuole essere non solo unoccasione per parlare di musica, ma soprattutto un modo per diffondere la cultura del blues. Il blues non è solo un genere musicale! I ragazzi del fan club si rivolgono agli appassionati di musica per far si che il festival non si limiti a una settimana di concerti, ma contribuisca ad arricchirli musicalmente e culturalmente. Il nostro sito: http://www.liribluesfestival.it
Istituito da liribluesfanclub in data 07-08-2011
Num. interventi: 1, Consultato: 22364 volte

SEXTING - L'Arte degli autoscatti Osé

SEXTING L’Arte degli autoscatti Osé Mostra personale di SALVATORE MELILLO a cura di Angelo Cruciani & Grace Zanotto FAMIGLIA MARGINI Galleria d’Arte Contemporanea – Milano dal 5 al 30 ottobre 2010 Il progresso tecnologico ha moltiplicato le realtà aprendo nuove possibilità di comunicazione. Oggi è il Sexting la rivoluzionaria forma di liberazione dal senso del peccato imposto nelle relazioni dalle ultime escrescenze bigotte di una cultura religiosa oppressiva. Una strategia per svelare ciò che nascondiamo sotto il burka del perbenismo o semplicemente un piccolo espediente per dire «vieni più vicino». Mostrarsi è una richiesta di attenzioni per delle verità ormonali e sentimentali che non vanno taciute né represse nel loro fiorire. Nel Labirinto di Freud vaga il pittore Salvatore Melillo; munito di cellulare o di PC per rintracciare le interazioni sessuali dell'ultima generazione, tramite il SEXTING. Rinnovando il ruolo sociale dell’artista nell’avanscoperta dell’avvenire Salvatore Melillo esplora la rete, stuzzicandosi fra tettine e altre parti anatomiche disponibili agli sguardi fugaci di chiunque, le classifica come un collezionista di farfalle e col suo agile pennello le riporta in materia pittorica. Coraggioso è il percorso che foto dopo foto, desiderio su desiderio, centimetro dopo centimetro si percorre tra le sue tele ardenti e bramose di raccontare il frenetico mondo delle «voglie». La delicatezza del bianco nero con cui ritrae mutandine a forma di cuoricino e seni al silicone astrae l’immagine dal tempo inserendola nel calendario delle foto erotiche. Lo scorso secolo si racconta attraverso le cartoline delle bellezze anni ‘30, le foto delle amanti strette al petto dai soldati e i ritratti fotografici prematrimoniali spediti agli immigrati oltreoceano... oggi il sexting e domani? Le istruzioni per l’uso alla vita, regalate dalle generazioni precedenti, risultano sempre fallate e il disagio esistenziale è reale quanto l’incalzare del numero di suicidi. Ultimo messaggio d’addio nella casella di aggiornamento dello stato d’umore su Twitter. Esiste un flusso che ci collega tutti come una «memoria archetipica» del terzo millennio. Anche il bisogno d’amore viene postato in internet; navigando non si rischia più d’incappare in un messaggio in bottiglia ma in foto esplicite di nudi adolescenziali. Laura spedisce un messaggio ad Andrea mostrandogli le mutandine di pizzo nuove, David invia una foto a Serena dove i boxer ospitano desideri in eruzione, Matteo e Luca abitano lontani ma tutte le sere fanno cybersex, Massimo è sempre single, ma su Cam4 trova amanti virtuali in ogni momento. Partecipa al nuovo «giochino» della prostituzione, dell’immagine di sé attraverso MMS. Spogliati e lasciami spiare attraverso l’occhio del cellulare... la Rete ti cattura e si fa bollente, diletto di una generazione viziata nel soddisfare ogni voglia «tutto e subito». Siamo alla soglia di un reato, già si apre un sipario di infinite possibilità di piacere, tanto che varrebbe la pena difendere la libertà d’informazione. L’Arte porta in superficie il lato nascosto della vita purificandolo in un’aurea di magnificenza, Francisco Goya e Salvador Dalì e molti altri artisti in ogni tempo vengono ricordati per il loro coraggio nell’aprire le porte verso l’ignoto e per aver saputo sciogliere le paure collettive. Navigando sull'onda delle sfumature, anche se solo per un secondo, il sesso si trasforma in AMORE. Salvatore Melillo propone un gioco interattivo chiedendo «il tuo Sexting» per farne materia d’arte. Inviando un autoscatto puoi partecipare all’esposizione che sarà visibile a Milano, presso la galleria Famiglia Margini dal 5 al 30 ottobre 2010. SEXTING L’Arte degli autoscatti Osé Mostra personale di Salvatore Melillo a cura di Angelo Cruciani & Grace Zanotto FAMIGLIA MARGINI - Ass. culturale e Galleria d’Arte Contemporanea Milano – dal 5 al 30 ottobre 2010 Inaugurazione: martedì 5 ottobre 2010 ore 18,30 Cocktail offerto da Masseria Felicia Indirizzo: Via Simone d’Orsenigo n°6, 20135 Milano. Orario: dal lunedì al venerdì 11,30 alle 20,00 (e su appuntamento) Info: tel. 02_55199449 – 328_7141308 Sito web: www.famigliamargini.com ; www.salvatoremelillo.com; Organizzazione: Famiglia Margini - famigliamargini@gmail.com Catalogo in mostra. Ufficio Stampa: Flavia Lanza – flavialanza6@gmail.com ; 340_9245760
Istituito da flavialanza6 in data 20-08-2010
Num. interventi: 0, Consultato: 2904 volte

ANNI '00 - IL DECENNIO IRREALE

ANNI ZERO IL DECENNIO IRREALE A cura di Fiordalice Sette, Angelo Cruciani & Grace Zanotto Famiglia Margini Ass. Culturale Milano Via Simone d'Orsenigo 6 25 Giugno//20 Luglio 2010 lun-ven h. 11/14 - 16/20 sab-dom su appuntamento Vernissage 24 Giugno ore 18.30 – Ingresso libero Artisti: Veronica Bellei, Ivan Olita, Max Papeschi, Francesco De Molfetta, Neda Kianmehr, Fratelli Scuotto, Matteo Basilè, Christian Zanotto, Paolo Cassarà, Fabio Weik, Emiliano Rubinacci, Andrea Martinucci, Luca Lillo, Fabrizio Bellomo, Davide Valenti, Sebastiano Zanetti, Giuseppe Mastromatteo, Maurizio Galimberti, Ilaria Ferretti, Ruggero Rosfer, Beijg Xu, Federica Gif, Eron, Moho, Eltjon Valle, Gabor Szoke, Exilentia Exiff, Emanuele Benedetti, Alessandro Nassiri, Giuseppe Veneziano, Laboratorio Saccardi. Famiglia Margini, in collaborazione con Fabbrica Borroni, presenta una crew di artisti che raccontano il primo decennio del nuovo millennio. Dalla caduta delle torri gemelle al primo presidente nero, da Berlusconi a Ratzinger, dal boom economico della Cina alla crisi internazionale, da Osama allo Tzunami, dalla precarietà del lavoro a quella dei rapporti, dal cellulare a facebook! Figli di una tecnologia violenta, Matrix premoniva oniricamente la non vita attuale. Catene fatte da fibre ottiche, sms come Rimbaud, lettere senza carta e immagini che si consumano su cartelli roteanti. Sono il ragazzo degli anni zero, quelli dell'inizio di un qualcosa senza nome... Nuovo millennio, nuovo secolo iniziato con un decennio che ha ripercorso stili e concetti di una vecchia Storia che deprediamo senz'analizzarla. Sono il ragazzo del decennio irreale quello che non lascia tracce perché consuma e brucia inquinando anima e atmosfere. Sono l'uomo che non cresce poiché l'illusione di poter parlare mi fa sentir libero dall'impegnarmi. Ho troppi sessi senza più famiglia, sono l'occidente accidentato da assurde ambizioni inculcate da illusioni irraggiungibili. Sono l'animale umano senza consapevolezza del senso esistenziale, ho fottuto ogni spontaneità per costruire una perfezione che non puzza più di sudore. Sono reduce da anni di confusione, non so che cosa potrò costruire ora che tutto è stato distrutto; vendiamo politiche, persino Dio. Artisti, siam tutti diventati "artisti", le parole han perso valore inseguendo stili di comunicazione mercificata, figli di progetti macchinosi c'inoltriamo verso un grande cambiamento cercando di concretizzare quella presenza che mancava all'appello. E l'Arte? la fanno ancora gli Artisti? Famiglia Margini Ass. culturale Via Simone d'Orsenigo n°6 20135 Milano, Italia www.famigliamargini.com famigliamargini@gmail.com tel: 0255199449 ph: 3287141308 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ENGLISH VERSION THE ZERO YEARS * THE UNREAL DECADE Curated by Fiordalice Sette, Angelo Cruciani & Grace Zanotto Famiglia Margini Cultural Association Milano Via Simone d'Orsenigo, 6 Exhibition date 25th of June / 20th of July 2010 Vernissage 24th of June at 6.30pm – Free entrance Artists: Veronica Bellei, Ivan Olita, Max Papeschi, Francesco De Molfetta, Neda Kianmehr, Fratelli Scuotto, Matteo Basilè, Christian Zanotto, Paolo Cassarà, Fabio Weik, Emiliano Rubinacci, Andrea Martinucci, Luca Lillo, Fabrizio Bellomo, Davide Valenti, Sebastiano Zanetti, Giuseppe Mastromatteo, Maurizio Galimberti, Ilaria Ferretti, Ruggero Rosfer, Beijg Xu, Federica Gif, Eron, Moho, Eltjon Valle, Gabor Szoke, Exilentia Exiff, Emanuele Benedetti, Alessandro Nassiri, Giuseppe Veneziano, Laboratorio Saccardi. A crew of artists that tell the first decade of the new millennium: from the fall of the Twin Towers to the first black president, from Berlusconi to Ratzinger, from the Chinese economic boom to the international crises, from Osama to Tzunami, from the job insecurity to the relationship frailty, from cell phone to facebook! The children of a violent technology, the Matrix dreamily predicts the current non-life. The optical fibber strings, Rimbaud like text messages, paperless letters and the images that wear out on a rotating signs. I’m the boy of the zero years, those of the beginning of something nameless… The new millennium began, a new century and a decade that has retraced styles and concepts of a plundered, not analyzed, old Story. I am the boy of the unreal decade that leaves no trace because it consumes and burns fast polluting souls and atmospheres. I am the man who doesn’t grow up since the illusion of being able to communicate makes me feel free of commitment. I have many sexes, no family; I am the West rugged by absurd ambitions instilled by unattainable illusions. I’m the human animal without the consciousness of the existential sense; I fuck all spontaneity to build a perfection that doesn’t stink of sweat any more. I’m the survivor from the years of confusion, I do not know what I can build now when everything has been destroyed; we sell politics, even God. The artists, we all became “artists”, chasing commodified communication styles, the words have lost value; the children of scheming projects we advance toward a big change trying to realize the missing presence. And the Art? are the Artists that still do it? *(Anni ‘00) --- Famiglia Margini è un'associazione culturale e galleria d'arte contemporanea. Inaugurata in una Milano benedetta da copiosi fiocchi di neve il 26 gennaio 2006, Galleria Famiglia Margini propose come base concettuale di partenza i disegni del Nobel Dario Fo, il progetto di una città rivoluzionaria in senso umano. Nella primavera del 2009 Famiglia Margini si trasferisce nella nuova sede di via Simone D'Orsenigo 6, Milano, ampio open space che offre maggior apertura ai progetti di un'arte dinamica ed impegnata nell'obiettivo di salvare l'umanità da se stessa. www.famigliamargini.com Fabbrica Borroni è un ex edificio industriale punto di riferimento per il panorama artistico. Costruito attorno al 1890. Riaperta nel 2004 dopo il restauro. Oltre ad ospitare la collezione storica e di giovani artisti italiani, Fabbrica Borroni organizza periodicamente mostre, lavorando con il territorio ma rivolgendo sempre uno sguardo alle possibilità nazionali ed internazionali. www.fabbricaborroni.it ----- FAMIGLIA MARGINI Cultural association and contemporary art gallery Via Simone d'Orsenigo, 6 - Milan Mon-Fri h. 11/14 - 16/20 Sat-Sun by appointment Web: http://www.apokalypse.co.uk- http://www.famigliamargini.com E-mail: famigliamargini@gmail.com tel: 0255199449 ph: 3287141308 info & stampa: 3409245760 Flavia Lanza
Istituito da flavialanza6 in data 06-06-2010
Num. interventi: 0, Consultato: 32684 volte

HUMAN GAMES

Misael presents: Human Games FOR WORLD CUP 2010 8 Giugno/ 14 Luglio 2010 Milan Misael Space via Thaon de Revel 3 Vernissage: 8 Giugno h 18:30/23:00 Dj Set and Cocktail A Cura di: Angelo Cruciani e Sara Bettonica ARTIST: Manuel Scrima, Francesco Martin, Dorian Rex, KATZO, Luca Lillo, Simona Bosio, Maurizio Bettonica, Luca Dalmazio, Salvatore Melillo, BBK, Martin Renero, Francesco Bellon, Diane Harper, Handile Daylvane Designer: RICREA, Pasquale Marino,Laura Scopa, Myriam Granci, Paola Parma, ISAMI, Silvano Paperino Apre a Milano, in concomitanza con le sedi Misael di Vicenza e Cape Town, la Mostra D'arte Contemporanea HUMAN GAMES, che celebra l'incontro tra culture differenti attraverso la “ FIFA World Cup”, per superare i preconcetti che ostacolano la realizzazione di un’umanità globale. Dall’ 8 giugno, Misael Milano Isola presenta una selezione di Artisti che affrontano il tema della diversità interpretando i valori dello sport e proponendo un avvicinamento tra popoli, impregnato di poesia e sensibilità. “Gli occhi di un bambino trasformano la palla in un Mondo; si può imparare a vivere ed amare anche giocando” Misael in occasione dei Campionati Mondiali di Calcio 2010 ha deciso di indagare il Mondo attraverso la magia dello Sport, quello che si fa per sorridere e confrontarsi con gli altri nella lealtà dell’incontro. In linea con l'etica del progetto Misael è infatti anche il fondamento salutare del confronto multietnico, che in questo torneo trova la sua massima esaltazione e spettacolarità. Quest'anno la magia dell'immensa World Cup approda in Sud Africa, primaria fucina di ricerca creativa da cui Misael attinge. Nasce infatti a Cape Town la terza Concept Area del Gruppo. Un messaggio positivo non è puntare l'attenzione sulla competitività, ma esaltare il folklore dell'incontro tra multiformi civiltà che s'avvicinano per parlare il linguaggio Mondiale del Calcio. In Sud Africa il dialogo interculturale non può ignorare il tema dell'Apartheid, abolito solo 15 anni fa. Un tema difficile da ricordare, ma ancor più ardua è l'ammissione della sua continua esistenza! L' apparenza democratica nasconde realtà che volentieri si lasciano cadere nell'oblio. I linguaggi creativi generano testimonianza della memoria e aiutano l'uomo attraverso l'IDEA a trovare possibilità che l'avvicinino al senso umanizzato di Giustizia, superando le paure del relazionarsi. Nell'Evento del Mondiale Misael pone l'attenzione sulla bellezza della peculiarità di ogni etnia e crea una parallelo campionato dove a vincere sono tutti, poiché attraverso l'abbraccio dell'incontro ognuno può arricchirsi dell'esperienza dell'altro abolendo quell'Apartheid che tutti abbiamo nel cervello, ma che si chiama semplicemente "Paura". HUMAN GAMES è un progetto creativo intento a: * testimoniare il razzismo e l' appartheid attraverso il linguaggio della creatività artisitica * testimoniare attraverso L’IDEA artistica la possibilità di superare le paure di avvicinare il “prossimo” attraverso messaggi positivi che mirano a risolvere conflitti antropologici e culturali. * Usufruire del linguaggio sportivo per unire le diverse civiltà tramite il gioco. * Esaltare la sportività intesa come modo d' incontro e confronto interculturale che mette in risalto l'esigenza del CONFRONTO e quindi genera una world cup parallela dove ognuno è vincitore * Definire che attraverso l’incontro ognuno può arricchire e accrescere l’esperienza “dell’altro” e quindi contribuire ad abolire i linguaggi di offesa interculturale. HUMAN GAMES proporrà: * Un viaggio artistico mirato a testimoniare l'ingiustizia e proporre come alternativa la riscoperta dell'esigenza umana dell'incontro tramite Opere Pittoriche Fotografiche * Verranno raccolte delle citazioni e testimonianze che espongano senza vergogna i fatti passati con l'intento umano della consapevolezza globalizzata contemporanea che mira all'abbattimento di ogni barriera. HUMAN GAMES è l'Eterno Campo da Gioco che è la Vita, dove tutti siamo indispensabili e Tutti vincitori! Misael Milano/Vicenza/Cape Town Per i Campionati Internazionali di Calcio 2010 Contact: Sara Bettonica sara@misael.eu 329 4425896 Angelo Cruciani angelo@misael.eu 3475710555 Michele Morici michelemorici@gmail.com 3495368542 website: www.misael.eu
Istituito da flavialanza6 in data 31-05-2010
Num. interventi: 0, Consultato: 30698 volte

FINISSAGE DELLA MOSTRA TERZO RINASCIMENTO A PALAZZO DUCALE, URBINO Famiglia Mar

Famiglia Margini in Collaborazione con il Comune di Urbino presenta: Festa di Chiusura della Grande Esposizione d'Arte Contemporanea “TERZO RINASCIMENTO” SABATO 1 Maggio ore 18:00 Palazzo Ducale di Urbino Con il Patrocinio di: Comune di Urbino, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Urbania Palazzo Ducale Sale del Castellare, Piazza Duca Federico, 61029 - Urbino Info turismo tel. 0722-2631 Assessorato alla cultura tel. 0722-309222 email. urbino.cultura@comune.urbino.ps.it Si conclude l'Esposizione d'Arte Contemporanea “Terzo Rinascimento” che l'Associazione Culturale Famiglia Margini ha portato a Palazzo Ducale di Urbino. Con oltre 30.000 visite nel periodo di apertura, la Mostra ha ricevuto un plauso generale sia dalla Grande Critica sia da un pubblico più semplicemente turistico. Famiglia Margini, soddisfatta dei risultati ottenuti nella Capitale dell'Utopia, a fronte delle numerose richieste di collaborazione da parte dei Comuni della Provincia di Pesaro e Urbino proporrà nel 2011 nuove esposizioni sul territorio marchigiano. Il Territorio ha aperto le braccia con entusiasmo all’interattività che l'Associazione ha cercato di instaurare e si è dimostrato estremamente fertile sia dal punto di vista del coinvolgimento delle proprie strutture e del parterre artistico, sia da quello dell'accoglienza. Lo Straordinario Evento di Chiusura del Primo Maggio vedrà Azioni Artistiche Live animare ulteriormente il fermento culturale che per un mese ha ruotato attorno a Palazzo Ducale. Sono previsti in programma: - La proiezione del Video "Your Girl" di Alessandro Sciarroni - Il reading poetico della Scrittrice Bibiana La Rovere - La performance di Dilated Electro-Acoustic Impro - Il Progetto AudioVideo Human Nature - La Consegna all'Istituzione dell'Opera con cui Famiglia Margini omaggia il Comune di Urbino e che entrerà a far parte della Collezione del Museo della Città. Questo animato Cocktail di auspicio per una rinata attenzione alla bellezza della contemporaneità vuole essere anche un omaggio ai grandi maestri che con il loro passaggio nel Montefeltro hanno contribuito alla Magia di cui tutt'ora Urbino risplende. Terzo Rinascimento è l'esigenza di una rinata fiducia verso il potenziale artististico che da sempre l'Italia ha avuto, a partire da quella che per eccellenza è la Capitale di tutte le Utopie. La città di Urbino per tutta la giornata farà da sfondo alle installazioni e alle performance degli artisti. Le sculture, le foto, le pitture della mostra tenute insieme dalla comune ricerca di rinascita in risposta al catastrofismo del nostro tempo saranno in esposizione fino al 3 maggio, la data del Primo Maggio è simbolica: "Rappresenta il nostro impegno nel sociale e nella cultura" affermano Grace Zanotto e Angelo Cruciani, curatori ed ideatori della Mostra. ARTISTI che intervengono al FINISSAGE: ALESSANDRO SCIARRONI presenta: YOUR GIRL Proiezione del Video d'Arte. "Your Girl" è un lavoro sul desiderio, sull'ispezione di un sentimento, video che si preannuncia "FORTE": la bellezza non è soltanto un’immagine. Il "bello" è una poetica che supera la condizione prettamente estetica e raggiunge il massimo della sua esaltazione nella comprensione del difetto. Your Girl è un lavoro sul desiderio e sull’ispezione di un sentimento. Nasce dallo studio di Madame Bovary di Flaubert e dalla traduzione fatta da Giovanni Giudici nella raccolta poetica La Bovary c’est moi. -- DILATED ELECTRO-ACOUSTIC IMPRO -- La performance tramite tecniche improvvisative di live electronics e circuit bending, con l'utilizzo di looper, software di propria creazione,"object trouvè", strumenti preparati, field recordings, nastri e "cyber-object" mira alla creazione di ambienti sonori che dialogano con trame visive astratte, proiettate e manipolate in tempo reale. Alessandro Martinelli (circuit bending, chitarra, oggetti, field recordings, nastri) Stefano Vinciarelli (Live electronics (self-made sftwr),"cyber-object", oggetti, strumenti) Tiziano Ruggia (Visual) HUMAN NATURE (AUDIOVIDEO PROJECT) Human Nature (Audiovideo Project) nasce nel 2009 dalla collaborazione tra il musicista Plusensure e la visual artist ErikaPax. L'indagine del progetto è rivolta alla natura umana e alle sue svariate sfaccettature. Sagome di ibridi umani-animali appaiono in continua trasformazione, dove il suono analogico-digitale frantuma ogni traccia di umanità residua. Ambientazioni postatomiche, sintesi sonore e grafiche aprono allo spettatore un percorso percettivo in continua trasformazione. Il duo Plusensure/ErikaPax partecipa a progetti ed eventi internazionali. Nel 2008/2009 fanno parte dell' ODDSTREAM #2/ #3 a Nijmegen in Olanda, realizzando cortometraggi e audiovideo presentati al Go Short Film Festival in Olanda. Sempre nel 2009, collaborano con il progetto WOP (Wall Of Perception) in Berlino, per il ventennale della caduta del muro, realizzando Performance Audiovideo. The Human Nature Project è stato presentato per la prima volta all' Apnea Festival (Rocca Costanza a Pesaro), insieme al progetto audiovideo Tappezzerie Sonore. Fanno parte inoltre del collettivo Z.I._Evento Anonimo (arte Fotografica, Dj, Vj set), progetto indipendente di Bologna. 4ANGOLAZIONI VOCE E CORPO DELLA BELLEZZA L’ AMORE di BIBIANA LA ROVERE La parola non è mai sola. Così come un’immagine o un suono, un colore, la percezione non è mai elemento scisso ma emana senso di completezza. È un valore, che rende decifrabili i misteri le emozioni, nel suo essere pieno e non frammentato. È per questo che la mia parola mostra tutto. Si fa preda e cacciatrice. Qui la poesia è come l’albero, per eccellenza, della libertà a foglie d’oro. Il dettaglio è irripetibile nella sua forma. Esprimo con lei, la mia passione per la vita, l’inquietitudine universale in maniera assoluta e personale. La poesia è principio di vita, di una bellezza senza eguali. Come un sogno più lungo della notte. Elegante e sofisticata. Si accosta leggera come un cambio di vento. Così la vivo. Così la respiro. Così l’Amore DOVE VUOI CHE IO SIA PER PRIVILEGIO DEL MOTO SE FOSSI IN TE FUSIONE NELL’ESSERE Bibiana La Rovere Poeta, performer e critico letterario ha condotto le ultime edizioni della Rassegna di Editoria Abruzzese. Nel suo percorso esplorativo “Niente che conti intorno” edito da TRACCE, è stata la sua prima raccolta di poesie. Con Plinio Perilli, curatore della prefazione ha realizzato la performance “La parola cucita”. Tra le opere di Sandro Visca, itinerario poetico per la mostra antologica dell’artista (opere 1962 - 2008), al Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna, Pescara. Ha ricevuto riconoscimenti di critica, premi nazionali ed internazionali tra i quali il Premio Internazionale “ Poseidonia – Paestum 2008”. E’ tra gli autori, con la silloge B.L.R. to M.A. , dell’antologia di “Ladri d’emozioni” della collana DieciLune (BEL-AMI Edizioni 2009), la sua poesia è presente in varie antologie non ultima Pescara Poesia del Mediterraneo (Edizioni TRACCE 2009) e La parola che ricostruisce - poeti italiani per l’Aquila (Edizioni TRACCE 2010). Ha partecipato a festival letterari, convegni e come voce recitante è stata interprete di vari autori. Cura corsi di scrittura creativa e laboratori poetici. La sua ultima pubblicazione “Cuore Cavato” (Edizioni TRACCE 2010) opera inedita con cui ha ricevuto il Premio “Scriveredonna 2008”. SPONSOR: Spazio Misael, Argenti Sovrani, Edil Market, Apicoltura Maggie Damiani, Edil Quattro, Il Gelsomino Fiori e Piante, Giusy Tessuti, Astoria, Morelli, Hotel San Domenico, Hotel Raffaello e Caffè del Sole. Con la collaborazione di Fabbrica Eos Associazione Culturale Famiglia Margini Via Simone D'Orsenigo 620135 Milano cell: 328 7141308 tel: 02 55199449 www.terzorinascimento.com email:famigliamargini@gmail.com Per ulteriori informazioni: Flavia Lanza Art Project Manager Famiglia Margini Contatti: www.famigliamargini.com email: flavialanza6@gmail.com ph: +39 340 9245760
Istituito da flavialanza6 in data 22-04-2010
Num. interventi: 0, Consultato: 23954 volte

 Pag. 1 di 2 [>>]